Ritratti di donne  I t a l i a  

elenco Italia   mappa ritratti 

chi

cosa

servizi

culture comparate

ritratti di donne

corsi di formazione

collaborazioni

progetti

links

news

  

  FRANCESCA  ARCHIBUGI

e la crescita degli adolescenti

Roma (Italia), 1960

   Francesca Archibugi nasce a Roma il 26 maggio del 1961.

     I suoi esordi sono da attrice. Dopo aver preso il diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia e aver frequentato la scuola di Bassano,  lavora sia nel cinema che in teatro. Nei primi anni Ottanta comincia a lavorare come regista, realizzando diversi cortometraggi: Riflesso condizionato, 1982; La guerra è appena finita e Il sogno truffato, 1983, nel 1984 Il vestito più bello realizzato per la trasmissione della Rai "Passione Mia".

     Nella regia di lungometraggi esordisce nel 1988 con Mignon è partita: i sentimenti in un gruppo di adolescenti, abitanti di un condominio romano, che si scontrano con i problemi della crescita. Sullo sfondo, vive una generazione di quarantenni stanchi e insoddisfatti. Dietro gli schemi della commedia, si rivela una forza narrativa ed espressiva, che riesce a cogliere il disagio adolescenziale nel vivere quotidiano.
Il film vince diversi premi: il Ciak d'oro 1989 come miglior regista esordiente e come miglior sceneggiatura; il David di Donatello nelle stesse categorie.

     Con Verso sera (1990), che vede protagonista Marcello Mastroianni nei panni di un professore comunista, rivivono gli anni Settanta, con le grandi contraddizioni ideologiche che hanno connotato quel periodo, attraverso il confronto tra un uomo maturo (Mastroianni appunto, intellettuale della sinistra storica) e una giovane del Movimento, entrambi a disagio nel nuovo decennio in cui non si riconoscono e che vivono con una rassegnata disperazione.

     Con Il grande cocomero (1993), in cui una pratica psichiatrica diversa salva una bambina di oggi da una sindrome di epilessia indotta da una situazione familiare dolorosa, vince il David di Donatello 1993 come miglior sceneggiatura, il Nastro d'argento nella stessa categoria ed uno come miglior soggetto.

Del 1994 è il film Con gli occhi chiusi con Stefania Sandrelli. Del 1998 è invece L'Albero delle pere con Sergio Rubini.

Il suo ultimo lavoro è Domani (2001). Il film prende le mosse dal terremoto che nel 1997 colpì alcuni territori dell’Umbria. Ambientato nel piccolo paese di Cacchiano Umbro, vengono seguite le vicende della famiglia Zerenghi (marito vicesindaco, moglie bella ed immalinconita dalla sciagura, due ragazzi di 16 ed 11 anni), dell’insegnante Betty, del restauratore straniero Andrew, d’una coppia di bambine inseparabili. 

Come sempre, soprattutto quando sono di scena i tremori e le intermittenze emotive della prima adolescenza, la Archibugi sa come giungere al cuore dello spettatore: e la metafora della crescita che chiude la narrazione risulta efficace, struggente e poetica quanto quella - indimenticabile - del cancello fattosi barriera per il protagonista di Mignon è partita.

 

FILMOGRAFIA

CORTOMETRAGGI

1994
L'unico paese al mondo (collettivo)


1986
Il Vestito più bello


1985
La piccola avventura


1983
La guerra appena finita


1982
Riflesso condizionato

 

LUNGOMETRAGGI

 

1994


Con gli occhi chiusi


1992


Il grande Cocomero


1990


Verso sera


1988


Mignon è partita
 

 

2001

 

Domani

 

L'Antro della Sibilla, Trav. Cuma I, 66  80070  Bacoli (Napoli)

ma.pappalardo@virgilio.it

© Copyright 2002 Tutti i diritti riservati