L' A N T R O  D E L L A  S I B I L L A

Promozione dell'intercultura e della differenza di genere

chi

cosa

servizi

culture comparate

ritratti di donne

corsi di formazione

collaborazioni

progetti

links

news

COSA  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L' ANTRO DELLA SIBILLA non è

un Centro Immigrati, in quanto non offre asilo alle persone ma alle culture; 

un Centro Interculturale, in quanto non fornisce servizi assistenziali e di integrazione, ma occasioni di incontro per diffondere la conoscenza, la bellezza e la ricchezza di ogni cultura.

 

L' ANTRO DELLA SIBILLA  è

un laboratorio interculturale dove uomini e donne di culture, nazionalità, religioni, professionalità e ceti sociali diversi si confrontano e ricercano strade nuove per la costruzione di pacifiche società interculturali;

uno spazio di dialogo dove la soggettività delle donne all'interno di ogni cultura può esprimere tutta la sua forza trasformatrice;

una risorsa nazionale sia informativa che formativa sulle "culture altre",  che tutti e tutte possono contribuire a rendere più ricca e aderente ai diversissimi bisogni di una società multiculturale.

 

Le basi metodologiche del Laboratorio interculturale

  Il metodo della relazione

Perché ogni incontro avviene, prima ancora che tra culture, tra persone.

  Il metodo della comparazione

Il Laboratorio intende valorizzare le differenze tra una cultura e l'altra, ma anche far emergere somiglianze, comunanze, mescolanze pregresse, trasformazioni reciproche in atto. E' un metodo che accende il confronto, facilita l'analisi reciproca e offre punti di approdo metaculturali. Costituisce anche un antidoto contro l'enfatizzazione delle differenze, che temiamo stia ricreando oggi su basi culturali i ghetti che vogliamo eliminare.

  Il metodo della complessità

La cultura di un popolo è qualcosa di molto più complesso delle stereotipate caratteristiche che apprendiamo dalla TV o insegniamo a scuola con la testimonianza di un nativo. Il Laboratorio vuole tentare di leggere questa complessità attraverso tre tecniche:

v emersione delle caratteristiche della cultura ufficiale, ma anche delle subculture (o "culture minoritarie", o "culture alternative", o "culture di resistenza" che dir si voglia) che quella data società esprime;

v visibilità intenzionale, all'interno della cultura o delle culture poste in comparazione, del pensiero maschile e del pensiero femminile, delle pratiche degli uomini e delle pratiche delle donne;

v esemplificazioni della interdipendenza di tutti gli elementi di un sistema culturale e/o multiculturale, nonché della sua incessante trasformazione nel tempo e nello spazio, nel bene e nel male, ad opera dell'intervento umano.

  Il metodo interdisciplinare e metacognitivo

Il metodo interdisciplinare è l'unico che ci permette la conoscenza di un popolo, di una cultura, di un ambiente,  perché può illuminare relazioni non gerarchiche tra natura e cultura, corpo e mente, realtà e immaginario, scienza e arte, pubblico e privato, linguaggio e potere. 

Il metodo metacognitivo, che ci insegna a riflettere sui modi dell'imparare, sui modi dell'insegnare, sui modi del comunicare il detto e il non detto, diventa necessario per poter attraversare non tanto i contenuti di una data cultura (nostra o altrui) quanto i modelli mentali che sottendono l'apprendimento di quei contenuti.

  Il metodo della parzialità del punto di vista

La parzialità del punto di vista costituisce una colonna dal pensiero femminile che ha contagiato le teorie postmoderne. In verità ha contagiato meno i comportamenti dal momento che gli uomini continuano a parlare e decidere anche a nome delle donne in tutto il pianeta. 

Tradotto in linguaggio interculturale postcoloniale, il metodo della parzialità significa prendere atto che il punto di vista che noi credevamo oggettivo ed universale  era semplicemente maschile ed occidentale. 

 E' dovere e piacere della storia dare spazio alle culture altre. E' dovere e piacere della democrazia dare ascolto al punto di vista dell' "altro/ altra", dell' "ex-colonizzato/a". Come europei, invece, continuiamo sistematicamente e assurdamente ad ignorare queste culture, ad essere sordi al punto di vista non occidentale. Anche ora che marocchini, albanesi, somali, cinesi, kossovari, curdi, saharawi, cileni, filippini abitano di fronte a noi (spesso nelle nostre case, come serve, come nuovi  inquilini) e che spesso assistiamo nelle case di accoglienza, e che addirittura formiamo come  "mediatori culturali"...anche ora, cosa sappiamo delle loro leggi, della loro storia, del loro "viaggio verso il sole"(1) , dei loro poeti, dei loro filosofi, delle loro pittrici, delle ostetriche che li hanno messi al mondo, dei loro sogni di adolescenti e dei racconti dell'infanzia che hanno nutrito quei sogni?

     Noi del Laboratorio L' ANTRO DELLA SIBILLA siamo convinti che il "razzismo"(2)  non darà segni di cedimento fino a quando  esisterà questa asimmetria tra la conoscenza che gli stranieri hanno della nostra cultura italiana ed  europea (e della nostra prosopopea) e  l'ignoranza che governa la nostra mente rispetto alle loro culture e alle loro biografie. Fino a quando come italiani non conosceremo e non ameremo i loro Dante, Leonardo, santa Caterina, Vivaldi, Eleonora de Pimental, Garibaldi, Danilo Dolci, Montessori,  De Sica, Pasolini, papa Giovanni, De Gregori, non ci libereremo del dubbio - anche nascosto, anche inconscio - che siano popoli inferiori, incapaci di un pensiero storico autonomo, refrattari alla democrazia in patria, bisognosi di eterna assistenza all'estero. 

E' per arginare questa nostra ignoranza e suscitare amore per le culture altre che nasce L' ANTRO DELLA SIBILLA

Crescerà se anche tu vuoi che cresca.

      

L' ANTRO DELLA SIBILLA si rivolge

 a coloro che conoscono e amano, oltre la propria, almeno un'altra cultura

a coloro che possiedono più appartenenze culturali

  agli stranieri e alle straniere che abitano in Italia 

  ad operatori ed operatrici della formazione che combattono contro i vecchi e nuovi "razzismi" e credono nella positività (o nella ineluttabilità) dell'intercultura.

1 "Viaggio verso il sole" è il titolo di un bellissimo film della regista turca Yesim Ustaoglu, che narra dell'amicizia tra due operai turchi, di cui uno di origine curda. Premiato al festival di Berlino nel '99, in Turchia il film è semilegale e, laddove si proietta, si formano lunghe file ai botteghini.  

2 Usiamo la parola "razzismo" sempre tra virgolette per segnalare che essa non ha senso nel nostro vocabolario, dal momento che le "razze" come entità naturali o naturalizzate - questo è provato da tutti gli studi di genetica - non esistono. Sono costruzioni sociali.

Aggiornato: 20 - 12- 2009

webmaster ma.pappalardo

   chi servizi

 ;

L'Antro della Sibilla, Trav. Cuma I, 66  80070  Bacoli (Napoli)

ma.pappalardo@virgilio.it

© Copyright 2002 Tutti i diritti riservati